Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Marghera, Autostrade del mare, si’ con riserva

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

apr

2013

CANALE DEI PETROLI – Tante prescrizioni al progetto dalla Salvaguardia

Niente bacino di evoluzione per le navi, che dovranno ormeggiare di poppa

Posto che le dimensioni e la profondità del canale dei Petroli non si toccano, la Commissione di Salvaguardia ha espresso un parere unanime favorevole, ma legato a una lunga serie di prescrizioni, al progetto presentato da Autorità portuale sulla realizzazione della piattaforma logistica “Autostrade del mare”. Ieri era l’ultimo giorno utile per il via libera al documento, apparso ancora incompleto, dopo la seduta dello scorso febbraio in cui era stata richiesta un’integrazione di documentazione. I consiglieri hanno preso atto dell’eliminazione del bacino di evoluzione per le navi, che dovranno comunque manovrare per ormeggiare di poppa in posizione perpendicolare alla banchina e hanno chiesto che la Capitaneria di Porto emani adeguate ordinanze per prevenire incidenti.
Vincoli anche sul marginamento della darsena con un sistema a pettine (con palancole alternate di profondità diversa per non interferire con la terza falda e non aumentare i rischi di subsidenza), sulla depurazione delle acque piovane, obbligo di motori spenti e alimentazione da terra per le navi che sosteranno, riduzione dell’inquinamento luminoso in riva alla laguna con impianti a led, salvaguardia dei cippi di conterminazione lagunare e vegetazione per attutire l’inquinamento acustico, considerata la vicina presenza di un campeggio. Alcuni punti del progetto dovranno ritornare in discussione.
Capitolo a parte per la viabilità accessoria, sulla quale la Commissione di Salvaguardia, sulla scorta di pareri già espressi anni prima, ha chiesto che eventuali modifiche della viabilità per separare i flussi commerciali da quelli dei residenti non abbiano ripercussioni sulla sicurezza degli abitanti e che se ci dovranno essere delle strade sopraelevate saranno a carico di chi dovrà costruirle, senza andare a intaccare via Malcontenta, che deve rimanere a raso e la rete ferroviaria – di cui si chiede l’elettrificazione – sulla quale non ci devono essere interferenze. E anche in questo caso le soluzioni progettuali dovranno tornare in Regione

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui