Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Casale “Barricate contro la discarica”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

26

apr

2013

CASALE – Il Comitato sta organizzando manifestazioni, il sindaco garantisce il suo appoggio

A Lughignano monta la rabbia dei residenti dopo l’autorizzazione della commissione Via al sito

Discarica 2-B di Lughignano, monta la rabbia degli abitanti:

«Siamo pronti ad attuare manifestazioni clamorose per impedire l’apertura della discarica per rifiuti speciali che ha ottenuto il benestare della Commissione regionale Via».

Stanno organizzando la protesta i componenti del Comitato “no discarica” di Casale, che ha raccolto circa 3 mila firme per dire no all’impianto di smaltimento della ditta Coveri nella zona agricola in via delle Grazie a Lughignano. Ieri mattina, a margine delle celebrazioni del 25 Aprile, il problema discarica 2-B è stato al centro dei commenti dei casalesi. Un anno fa era stata organizzata una “biciclettata” contro la discarica con meta l’area di via Cantonetto alla quale avevano partecipato oltre 200 persone con in testa il sindaco Stefano Giuliato.

«A questo punto bisognerà passare ad iniziative ben più pesanti – promettono i battaglieri componenti del Comitato “no discarica” guidato da Cipriano Guolo – per richiamare l’attenzione dei politici a livello provinciale e regionale. Purtroppo non è servito a niente l’incontro che abbiamo avuto con il presidente della Regione, Luca Zaia per spiegare l’assurdità di realizzare la discarica 2-B da 310 mila tonnellate in una zona di pregio ambientale».

Il Comitato insiste anche sulla necessità di fare subito qualcosa per dare finalmente l’avvio alla bonifica ambientale dell’ex discarica di inerti di via del Carmine nella frazione di Conscio dove da una dozzina d’anni giacciono centinaia di tonnellate di ceneri di derivazione industriale. L’ex discarica di inerti era stata posta sotto sequestro dalla magistratura dopo che erano state riscontrate violazioni al capitolato di smaltimento degli inerti.

«C’è una bomba ecologica da disinnescare in via del Carmine -insistono i residenti che fanno battaglia comune con il Comitato “no discarica” di Lughignano. «Il mio dovere – ribadisce il sindaco di Casale Stefano Giuliato – era e resta quello di tutelare l’area di via delle Grazie, che è l’unico polmone di verde rimasto nel territorio casalese. Faremo tutto quanto rientra nelle nostre competenze per impedire l’apertura della discarica 2-B».

Sulla spinosa questione interviene anche il consigliere provinciale Luigi Amendola di Sel (Sinistra Ecologia e Libertà):

«La Provincia non doveva limitarsi ad astenersi nel confronto con la Commissione Via. Doveva riconfermare il no espresso dal Consiglio provinciale nel luglio del 2012 contro la discaria di Lughignano».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui