Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Noale / Salzano. Cosmo, via libera dalla Regione

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

26

apr

2013

AMBIENTE – Palazzo Balbi approva l’ampliamento dell’impianto tra Noale e Salzano

Ora l’azienda potrà trattare fino a 153 tipi di sostanze, tra cui rifiuti tossici

Via libera della Regione all’adeguamento tecnologico dell’impianto di gestione rifiuti Cosmo di via Mestrina. Che sarà operativo al massimo entro tre anni.
Una notizia temuta dai comitati ambientali di Noale e Salzano, paesi ai cui confini sorge l’impianto di stoccaggio, i quali avevano criticato con assemblee e manifestazioni il progetto. Ma la Giunta regionale ha confermato il “disco verde” recependo il parere della commissione di Valutazione di impatto ambientale. Palazzo Balbi ha dunque rilasciato “l’autorizzazione integrata”: i lavori di adeguamento dovranno iniziare entro dodici mesi, e la messa in esercizio provvisorio dell’impianto dovrà avvenire entro tre anni dalla data di avvio degli interventi. Quindi entro quattro anni il piano dovrà essere almeno in larga parte esecutivo.
Per i comitati il fatto che la Cosmo possa arrivare a trattare 153 tipi di sostanze (rifiuti generici ma anche tossici) costituirebbe una minaccia per la salute dei residenti. Non l’hanno pensata così i componenti della commissione Via (in maggioranza a nomina regionale) con le uniche eccezioni della Provincia di Venezia, che si è astenuta, e del Comune di Salzano, che si è dichiarato contrario al progetto per le possibili ripercussioni per la viabilità della zona. A far propendere verso il sì il Comune di Noale con la sua richiesta, poi accettata, di inserire un sistema automatico di controllo dei camini “24 ore su 24″, in modo da monitorare costantemente le emissioni.
Inascoltata invece da Palazzo Balbi la mozione firmata da dieci consiglieri regionali che chiedevano alla Giunta di

«mettere in atto ogni azione utile affinché l’azienda interessata valuti la possibilità di delocalizzare la sua nuova attività, per tutelare un’area ad alto rischio idraulico, salvaguardando la salute e la qualità della vita di oltre un centinaio di famiglie».

L’adeguamento dell’impianto si lega a doppio filo con la vendita dell’area dell’ex trituratore di via Mestrina da parte dell’amministrazione della città dei Tempesta, ora concessa in affitto alla Cosmo stessa. Entro maggio arriverà il bando pubblico di vendita.

Gabriele Vattolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui