Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Salviamo l’ospedale di Dolo

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

apr

2013

STRA – L’appello dell’assessore alle Politiche sociali Valentini

La prima cittadina dolese, espressione dell’anima del Carroccio, è sotto il fuoco di fila dei suoi stessi colleghi di partito. E sempre sulla questione ospedale. Stavolta a sferrare l’ennesimo attacco è l’assessore alle Politiche Sociali del comune di Stra, Stefano Valentini.

«Voglio esprimere tutta la mia solidarietà al collega Consigliere Giovanni Fattoretto – attacca Valentini – riguardo alla questione dell’ospedale. Si sono svolte molte riunioni ed il tema ospedale è stato ampiamente trattato con incontri a vari livelli, con sindaci, l’azienda ospedaliera, i comitati e la cittadinanza in più Comuni. Pertanto la questione “ospedale di Dolo” e le sue criticità sono chiare. Come è chiaro il numero degli utenti e le prestazioni erogate, tutte di qualità per un numero importante di utenti. Ora è il momento di agire con forza a difesa di un servizio eccellente ed essenziale. Servono azioni tempestive per impedire un ulteriore impoverimento dei servizi erogati. Lottare ed agire tempestivamente per il mantenimento dell’ospedale è sicuramente molto più importante che mantenere un servizio non essenziale come il giudice di pace. Vista la forte richiesta di aiuto da parte di persone e famiglie che ormai hanno consumato l’economia accantonata negli anni o il lavoro, che non è più un diritto sancito dalla costituzione ma bensì un privilegio, l’amministratore deve avere quella doverosa lungimiranza per sostenere i servizi essenziali socio sanitari».

Gianluigi Dal Corso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui