Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO

«Il futuro dell’ospedale di Dolo, sembra non interessare ai sindaci della Riviera del Brenta, ma solamente al Comitato Marcato che lo sta difendendo strenuamente ed in completa solitudine».

A parlare è Walter Mescalchin, componente del comitato sorto alcuni anni fa proprio a tutela dell’ospedale di Dolo. Il comitato, però, ringrazia il consiglio comunale di Camponogara per l’approvazione all’unanimità di un documento sui problemi sanitari e sulle strutture ospedaliere dell’Ulss 13:

«Nessun altro comune, pur da noi sollecitato- ricorda Mescalchin – lo ha fatto. Quasi sia un problema che non riguarda i propri cittadini. Le scuse portate sono le più disparate, ma la più ricorrente è quella che non ci sono ancora le schede ospedaliere ufficiali e quelle in circolazione sono delle bozze provvisorie. Continuiamo a credere che sia una scusa, perché quando ci saranno le schede ufficiali, secondo noi, sarà già troppo tardi».

Il comitato, quindi, sollecita gli amministratori locali a fare di tutto per modificare le bozze esistenti:

«È più giusto fare delle proposte quando le schede ospedaliere sono in fase di elaborazione, o quando sono già state approvate dalla Giunta Regionale e quindi diventano ufficiali? Una parte dei Sindaci afferma che vanno fatte dopo, anzi qualcuno di loro ci accusa di fare del falso allarmismo».

(G.Dco.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui