Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Marghera, Il Consiglio boccia i rifiuti di Alles

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

apr

2013

MARGHERA – Astenuti Pdl e Lega: «C’è stata una procedura di Via regolare, ma vigileremo»

Votato il mandato al sindaco per ricorrere alle vie legali contro l’ampliamento dell’impianto

No del Consiglio comunale al potenziamento dell’impianto per il trattamento dei rifiuti speciali e pericolosi gestito da Alles Spa a Malcontenta. Ieri con una mozione approvata con l’astensione del centrodestra, l’assemblea ha approvato una mozione con la quale si impegna il sindaco Giorgio Orsoni a “rappresentare alla Regione la netta contrarietà del territorio all’ampliamento delle capacità di trattamento dell’impianto Alles e ad attivare ogni possibile iniziativa per evitare tale ampliamento produttivo e la conseguente maggior presenza di materiali tossico-nocivi circolanti nel territorio del Comune”.
Una formula per rinnegare tutto ciò che ha deciso la Regione, sbloccando la richiesta di potenziamento affinché l’impianto accolga rifiuti provenienti anche dall’estero.
Fortuna (Udc) ha chiesto che si inserisse come emendamento il fatto che “si utilizzi ogni mezzo, anche di carattere giudiziario”, ma non c’è stato il tempo di inserire la frase anche se l’assenso è scontato. Per Guzzo (Idv) “La città ha già dato troppo in termini di esposizione all’inquinamento” e Venturini (Udc) ha ribadito “Una scelta che grida vendetta per il comportamento della Regione e dello Stato” .
«Inconcepibile – ha ribadito Bonzio (Fds) – immaginare un ritorno a Marghera “pattumiera” d’Italia. Forse i “veneti” non stanno a Venezia».
Più duro Caccia (In Comune): «Con un colpo di mano la Regione ha stravolto la pianificazione urbanistica del Comune del 1996 e ribadita nel 2012 con il Pat».
«Ci siamo astenuti – Michele Zuin, Pdl, difende il centrodestra – perché sono state usate parole troppo forti in presenza di una procedura che fino a prova contraria è regolare. Il Comune ha fatto le proprie osservazioni in sede di Via e noi vigileremo sull’andamento, ma non è possibile bocciare ogni cosa solo perché viene dalla Regione».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui