Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Un nuovo presidio contro le tariffe autostradali

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

apr

2013

Mirano. Il comitato “Opzione Zero” si sta mobilitando per manifestare davanti alla sede della Cav

I comitati scaldano i motori. I prossimi giorni saranno decisivi per pianificare le azioni di protesta contro l’aumento delle tariffe autostradali sulla tratta Mirano-Padova.
La conferma arriva dal comitato «Opzione Zero», che intende organizzare per lunedì prossimo un grande incontro pubblico nella sede delle Acli di Cazzago.
L’obbiettivo è mettere assieme le forze e trovare almeno un centinaio di persone disposte a manifestare a Marghera sotto le finestre della società autostradale Cav, verso metà maggio.
Nel frattempo sono già stati avviati i contatti con alcuni avvocati per intraprendere un’azione legale e si valuta pure la possibilità di organizzare una class action dopo che le nuove tariffe saranno entrate in vigore.
La data annunciata da Cav è quella del 1. giugno, il piano prevede l’uniformazione della Mestre-Padova e Mirano-Padova a 2.70 euro (ora la prima costa 3.20, la seconda 80 cent), con tariffa scontata a 1.60 euro per i pendolari di Mirano, Spinea, Mira, Dolo e Pianiga.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui