Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Asolo. La questura: manifestazione non autorizzata

Avviso di garanzia per Regosa: «Incontro spontaneo»

ASOLO – L’abbraccio ad Asolo contro l’adozione del Pat: scattano gli avvisi di garanzia. Nei giorni scorsi è stato notificato un avviso di garanzia a un partecipante alla manifestazione del 7 aprile in piazza Brugnoli, Andrea Regosa. La contestazione da parte della questura di Treviso è che il giovane residente in città avrebbe organizzato la manifestazione senza permessi ufficiali da parte del Comune per l’occupazione del suolo pubblico. Domenica 7 aprile i cittadini si erano dati appuntamento nel centro storico per dire no al Pat della giunta Baldisser e per ripetere a gran voce “salviamo Asolo”. Un centinaio di persone ha sfilato per le vie del centro con cartelli dove si leggeva “Asolo è il nostro futuro” e “Stop al cemento”. Poi dandosi la mano hanno creato una catena umana che ha simbolicamente abbracciato il cuore della città passando davanti al municipio. Uno dei giovani che ha animato l’incontro è stato proprio Andrea Regosa che, assieme a tutti gli altri suoi amici del Comitato Asolo Viva, ha spiegato ai passanti il motivo dell’incontro. Ed ora proprio al giovane è arrivata dalla Questura una denuncia per violazione delle legge sulle manifestazioni pubbliche. «Era un incontro spontaneo», dichiara secco Regosa, «Creato con un passa parola tra amici e conoscenti». Dopo la presentazione del Pat da parte del vicesindaco Federico Dussin alle minoranze è scattata la mobilitazione. Consiglieri di minoranza e cittadini hanno dato il via a una dura contestazione alla giunta Lega nord-Vita. Il tam tam della protesta è stato lanciato su facebook con la creazione dell’evento del 7 aprile. In tanti avevano aderito: dai gruppi consigliari di minoranza a esponenti politici di spicco come la senatrice del PD Laura Puppato. «In sede opportuna verranno chiariti tutti i fatti», spiega il legale del giovane, Gianmarco Zaniol, «Si è trattato semplicemente di un incontro tra persone e tra le tante il mio assistito è stato interpellato nel corso della mattinata da due agenti della Digos che hanno preso le sue generalità».

Vera Manolli

link articolo

 

IL CASO –  E la giunta boicotta il dibattito pubblico

ASOLO Era stato fissato per giovedì 9 maggio l’incontro pubblico del Comitato civico “Asolo Viva” sul nuovo piano di assetto del territorio. Ma Il sindaco Loredana Baldisser ha convocato per la stessa data il consiglio comunale per l’approvazione del bilancio 2012. E l’incontro è stato rinviato. Le minoranze puntano il dito contro la maggioranza. «Ci sembra un gesto di grande maleducazione nei confronti del Comitato Asolo Viva, che per la stessa data aveva promosso un incontro di conoscenza sul Pat invitando anche l’amministrazione comunale», dichiara il gruppo consigliare “Insieme per Asolo”. Massima solidarietà quindi da parte delle minoranza al gruppo di cittadini che in queste settimane si sono mobilitati per programmare l’incontro informativo. Si sarebbe dovuto tenere alla Fornace e oltre ai gruppi consigliari avrebbero dovuto partecipare tutte le associazioni di categoria, i rappresentanti di Unindustria e la stessa maggioranza consigliare che all’ultimo momento ha dato forfait. Dibattito pubblico solo rinviato

(v.m.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui