Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Raccolte in laguna 13 tonnellate di rifiuti

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

mag

2013

La giornata ecologica tra Giare e Dogaletto. C’era di tutto: frigoriferi, lavatrici, ruote di automobili

MIRA. Tredici tonnellate di rifiuti raccolti in laguna. Questa l’enorme quantità di immondizia raccolta da un centinaio di volontari domenica scorsa in laguna sud a Giare di Mira, Dogaletto e Porto San Leonardo. Ad organizzare la giornata ecologica sono state le associazioni venatorie di Mira, l’Associazione cavanisti, l’Ambito territoriale di caccia 5A5, l’Associazione pescatori Pensionati della Riviera del Brenta e del Miranese.

«La manifestazione», spiega per le associazioni venatorie Piergiorgio Fassini, «ha visto la partecipazione di un centinaio di persone che a bordo di un’ottantina di imbarcazioni messe a disposizione da cavanisti, cacciatori e pescatori si sono mosse nel territorio lagunare di Mira alla ricerca dei rifiuti abbandonati e portati dalla marea. Lungo l’argine di conterminazione lagunare che va fino alla spiaggetta delle Giare , lungo i canali lagunari Bondante, Bondantino e Cunetta e tra i “ghebi”, i volontari, muniti di sacchi delle immondizie e guanti di protezione, messi a disposizione da Veritas, hanno raccolto tre cassoni scarrabili di materiale per una quantità di rifiuti stimata in 13 tonnellate».

In una decina di ore è stata raccolta una miriade di contenitori di plastica di vario tipo ma anche cassette di plastica, frigoriferi, lavatrici, paraurti e ruote di automobili, tubi in pvc, polistirolo. Tutta immondizia caricata sulle barche dei volontari e portata ai magazzini dell’Associazione cavanisti a Giare dove i rifiuti sono stati scaricati e trasferiti nei cassoni scarrabili. «Manifestazioni di questo genere», continua Fassini, «hanno l’unico interesse di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’unicità dell’ambiente lagunare e su quanto prezioso sia il suo rispetto. Viene da chiedersi: perché invece di essere organizzata dai soliti ambientalisti la manifestazione è stata organizzata delle associazioni venatorie?».

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui