Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Asolo. Pat in Consiglio: il sindaco se ne va

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

mag

2013

ASOLO – Furiosa la reazionde dell’opposizione: «È una vergogna». Questa sera nuova seduta

La maggioranza non si presenta, la Baldisser legge un comunicato e poi abbandona l’aula

FANTASMA – Seduta in municipio disertato dai consiglieri di maggioranza: senza numero legale salta ancora la discussione del piano di assetto territoriale

Seconda fumata nera. Il consiglio comunale di Asolo convocato per la discussione del Pat è stato di nuovo sospeso. Ieri sera dopo appena dieci minuti il segretario ha chiuso l’attesa seduta del consiglio comunale che aveva in programma la discussione del piano di assetto territoriale davanti a più di una cinquantina di cittadini. All’appello mancavano all’appello tutti i consiglieri comunali di maggioranza ed il sindaco Loredana Baldisser si è limitata al leggere un comunicato a nome del suo gruppo: «Nelle seduta precedente (10 aprile) il consiglio comunale all’unanimità aveva rinviato la seduta per la discussione del Pat. Il documento letto diceva che il rinvio era stato deciso per permettere una più ampia discussione anche con le parti sociali e le categorie al fine di migliorare il piano stesso. Contemporaneamente sono stati sollevati dubbi di legittimità relativi ai professionisti incaricati che gli uffici comunali stanno ancora approfondendo. Anche per questo motivo avevamo chiesto alle opposizioni di ritirare la richiesta di convocazione ma non è successo. Siccome noi vogliamo portare la discussione del Pat su argomenti certi e dopo aver affrontato l’argomento anche con le categorie sociali, i due gruppi che compongono la maggioranza, Lega Nord e Vita, decidono di non partecipare alle discussione». E così il sindaco seguita dagli assessori si è allontanata dall’aula tra lo sbigottimento generale.
Furiosa la reazione dell’opposizione. «Questa non è la nostra Lega, vergogna», ha tuonato Nico Basso, ex assessore ed ex leghista. Il segretario ha faticato a a mantenere l’ordine: c’era un consiglio da chiudere e mancava un presidente. «Tocca al consigliere anziano formalizzare la chiusura del consiglio», ma Nico Basso si è rifiutato, così come Enrico Primon prima e poi Dalla Rosa, Brolese e Gregoris. Alle 20.43 in qualche modo è calato il sipario su un consiglio comunale senza precedenti, dove tutti si devono fare un esame di coscienza. Magari a cominciare da stasera dove nel consiglio bis è prevista l’approvazione del conto consuntivo.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui