Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Un’altra tragedia con protagonista una nave che va a cozzare, stavolta contro la banchina del porto di Genova. E Venezia torna a interrogarsi sul rapporto tra la città e le navi, sempre più grandi, che la attraversano. Il primo a scendere in campo è il comitato “No grandi navi” che chiede al Governo l’immediata applicazioni del decreto Passera-Clini, senza aspettare alternative.

«Fuori le navi da oltre 40mila tonnellate, subito»

tuona il portavoce, Silvio Testa, invitando a riflettere sulle assicurazioni di Autorità Portuale e Vtp sulla sicurezza del traffico a Venezia:

«Forse anche a Genova parlavano così prima dell’incidente. Ma una nave, si è visto, può andare alla deriva, prendere fuoco o perdere carburante. Se succedesse in Bacino di San Marco? O in laguna? Avvicinarsi a una soglia di rischio non è mai accettabile».

Per Tommaso Cacciari la strage di Genova è la riprova che

«queste mega navi non riescono ad essere frenate dai rimorchiatori, che guasti ed errori possono succedere anche se i piloti sono abilissimi e le condizioni meteo ottime».

A un’estromissione immediata delle grandi navi puntano anche i consiglieri della lista In comune, Giuseppe Caccia e Camilla Seibezzi, che in un’interrogazione chiedono la convocazione del Comitatone per l’«estensione e l’applicazione del decreto rotte, in modo da disporre il divieto di accesso alle acque della laguna di tutti i natanti di stazza superiore alle 40mila tonnellate». Mentre una soluzione «alternativa al percorso attuale» viene chiesta da Sebastiano Bonzio e Simone Stefan, di Rifondazione:

«Non possiamo fare gli struzzi per non vedere i rischi che Venezia corre ogni giorno».

Ben diversi i toni del comitato cruise Venice, che ricorda che gli «incidenti possono essere spesso imprevedibili» e chiede di «accelerare i tempi per una soluzione che assicuri la continuità del traffico crocieristico e, come già avviene, tuteli la salvaguardia dell’ambiente e la sicurezza della navigazione, anche se il porto di Venezia, per le sue caratteristiche geofisiche, è considerato uno dei più sicuri del Mediterraneo» conclude il presidente Massimo Bernardo. E un invito a non fare paragoni azzardati arriva dal capogruppo del Pdl, Michele Zuin: «Non si può riportare ogni incidente alle navi da crociera a Venezia. Questo è sciacallaggio». (r. br.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui