Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Scontro sul giudice di pace

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

mag

2013

DOLO – Scambio di accuse fra i due sindaci

Gottardo replica a Menin

DOLO – Maddalena Gottardo, sindaco di Dolo, reagisce con forza alle dichiarazioni del collega di Camponogara Giampietro Menin, il quale avrebbe bollato come «nulli» i provvedimenti con i quali i Consigli comunali di Dolo, Vigonovo, Campolongo Maggiore, Campagna Lupia, Fiesso d’Artico, Fossò, Stra si sono dichiarati favorevoli a una convenzione per il mantenimento dell’ufficio del Giudice di pace in Riviera del Brenta, che prevede una compartecipazione alle spese per il suo funzionamento. «Ringrazio anzitutto Giampietro Menin, che non conoscevo in veste di fine giurista, per la preziosa lezione di diritto amministrativo impartitaci dichiarando “illegittime” le delibere votate dai consigli comunali di quasi tutta la Riviera del Brentà – esordisce Gottardo – Il Sindaco di Camponogara, però, forse per disattenzione, dovuta senz’altro ai tanti impegni ai quali ciascun primo cittadino è quotidianamente chiamato, ha frainteso qualche passaggio della linea concordata tra amministrazioni rivierasche, Camera Avvocati di Dolo, uffici giudiziari, minoranze e maggioranze politiche; nonché tecnici dei nostri comuni. Gli stessi tecnici che, invece di trincerarsi dietro i «niet», si sobbarcano la fatica di provare a trovare una soluzione ai problemi». Per Gottardo, Menin avrebbe potuto declinare l’offerta «senza cercare di minare il lavoro fatto da altri a tutela dell’intera collettività». E conclude sibillina: «Spiace molto, in astratto, registrare che nella vita, a volte, si cerca di salvare la propria faccia gettando fango in casa d’altri».

(g.d.c.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui