Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA. Il Comune di Mira pronto a ricorrere al Tar contro la Regione per la violazione degli accordi sul Passante da parte della Regione che invece di liberalizzare ha aumentato le tariffe. La decisione è stata presa all’unanimità con l’approvazione della mozione “Tariffa, autostradale tratta Villabona- Padova e rispetto degli accordi per la realizzazione del Passante”. Il primo firmatario della mozione è stato l’ex sindaco Roberto Marcato a cui si sono affiancati i consiglieri Mattia Donadel di “Mira Fuori dal Comune” e i consiglieri 5 Stelle Mauro Berti, Alle Biasiotto, Michele Pieran, Andrea Pesce, Melania Canova, Riccardo Barberini, Gino Biasiolo ed Elisa Marchiori . Ai voti delle liste civiche e della lista “ Noi per Mira “ e Mira fuori del Comune si sono affiancati anche i consiglieri del Pd e del Pdl.

«La mozione impegna la giunta – si legge nel documento – a verificare a livello legale i presupposti per agire contro Cav ( la società che gestisce il Passante) per inadempienza chiedendo la liberalizzazione del tratto fra Dolo e Mestre e il ripristino del casello autostradale a Roncoduro» .

Di fatto il Comune di Mira ha dato incarico ai legali per approntare un ricorso al Tar . «C’era la violazione palese della Regione», dice il consigliere del Pd Gabriele Bolzon, «chiediamo che i soldi incassati dal Cav per la mancata liberalizzazione vengano distribuiti ai comuni dell’area». (a.ab.)

link articolo

 

  1. 1 Comment

    • mario says:

      SABATO 18 MAGGIO
      MANIFESTAZIONE
      DI FRONTE ALLA SEDE CAV
      Appuntamento ore 09.30 in Via Bottenigo, 64/A 30175 – Marghera

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui