Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Asolo. Al Sant’Artemio il Pat delle polemiche

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

14

mag

2013

ASOLO – La richiesta era partita dal gruppo consiliare Pd. Discussione il 28

Sarà al centro della commissione urbanistica provinciale

ASOLO – Da Palazzo Beltramini al Sant’Artemio. Il Pat di Asolo esce dal centro storico per approdare in Provincia. Nel senso che lo strumento urbanistico asolano, al centro in queste settimane di violentissime polemiche amministrative e politiche, sarà ora preso in consegna da autorità amministrative che finora non si erano espresse sulla delicata questione. Il 28 maggio, su richiesta del gruppo consigliare del Pd asolano, il Pat sarà dunque al centro della riunione della commissione urbanistica provinciale. Intanto gli stessi consiglieri provinciali del Pd, a conferma che il dibattito sul Pat asolano è uscito dalla sua sede “naturale”, si stanno muovendo per cercare di saperne di più. La situazione di Asolo infatti, è l’oggetto della richiesta di convocazione di una commissione straordinaria che coinvolga anche un rappresentante del gruppo di progettazione e dell’assessore competente della città dei cento orizzonti.

«Non vogliamo che il passaggio in giunta provinciale sia solo procedurale e costituisca una mera ratifica delle scelte fatte dal Comune. La situazione di Asolo e il suo inestimabile valore architettonico e paesaggistico devono essere preservati da scelte urbanistiche attente e capaci di tutelare al meglio il territorio»

è il commento del gruppo consiliare.

«Consultazione e concertazione devono essere alla base di qualsiasi scelta urbanistica e in questo caso l’impressione è che siano completamente mancati. La Provincia non può sottrarsi al proprio ruolo di regista della pianificazione territoriale limitandosi a confermare le scelte compiute dal Comune senza valutarle rispetto agli obiettivi generali del Ptcp»,

concludono i consiglieri.

Gabriele Zanchin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui