Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

I SINDACATI A PALAZZO BALBI

VENEZIA – I sindacati, ma soprattutto i pendolari, chiedono “più autobus, più treni, più vaporetti e meno disagi”? L’assessore regionale ai Trasporti la pensa come loro: «Confidiamo che nel secondo semestre del 2013 si possano portare a casa più risorse», ha detto Renato Chisso durante l’incontro con la delegazione sindacale che, in occasione della giornata di mobilitazione nazionale, ha consegnato a Palazzo Balbi le scatole contenenti le 15.000 cartoline firmate da utenti e lavoratori. I sindacati hanno ricordato che «in tre anni le risorse al trasporto pubblico locale (gomma e navigazione) sono state ridotte da 287,3 a 256,2 milioni di euro. Vogliamo che si mantenga, in sede di assestamento del bilancio 2013, non meno del finanziamento 2011, attestato a 268 milioni».
Recuperare finanziamenti significherebbe non solo più qualità, ma anche – è stato detto – limitare le cause con le aziende, avere più pace sociale, creare condizioni di adeguatezza economica per procedere alle gare senza tagli ai servizi e al personale. Su questo – come recita una nota di Palazzo Balbi – si va avanti in un clima collaborativo, benché in una situazione economica difficile generalizzata.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui