Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

GRANDI NAVI – Un contributo dell’armatore di 150mila euro per finanziare i San Marco Guardians

Caccia (In Comune): «Il sindaco ritiri la delibera, è in contraddizione con i nostri obiettivi»

«La Giunta ritiri subito la delibera dei “San Marco Guardians”».

Contro la replica degli steward del decoro, che si accingono ad informare i turisti sul fatto che la piazza non è una spiaggia e non si può neppure mangiare al sacco seduti sulle Procuratie, si schiera il mondo ambientalista. La preoccupazione è che, con la sponsorizzazione per 150mila euro da parte di Costa Crociere, alla fine la loro azione risulti edulcorata. Ne è convinto Beppe Caccia, capogruppo di “In Comune”che ieri ha depositato una interrogazione urgente al sindaco Giorgio Orsoni e all’assessore Carla Rey.

«È del tutto evidente che la sponsorizzazione del servizio di steward – attacca Caccia – è una maldestra operazione d’immagine da parte di una delle compagnie armatoriali leader. Le stesse compagnie che con i loro passaggi in bacino di San Marco costituiscono un permanente e crescente fattore di pesantissimo impatto ambientale e sul patrimonio storico e monumentale della città».

Caccia ricorda poi che il Consiglio comunale si è impegnato con l’approvazione del Pat all’allontanamento di tutte le navi che risultino incompatibili con l’ecosistema e il patrimonio della città e che lo stesso sindaco sta premendo sul Governo affinché dia attuazione al decreto Clini-Passera, che lo scorso anno aveva previsto il divieto di navigazione in laguna alle navi di stazza superiore alle 40mila tonnellate di stazza (un terzo dei giganti attuali) ma che è ancora sospeso nell’efficacia.

«L’avallo anche indiretto – conclude Caccia – ad una operazione di ripulitura di immagine delle compagnie sia in palese contraddizione con questi obiettivi e pertanto chiediamo il ritiro della delibera che ratifica il protocollo d’intesa con Costa Crociere».

All’attacco di questo accordo anche il Comitato No grandi navi.

Se Costa Crociere tiene davvero a piazza San Marco – dicono dal comitato – eviti gli “inchini” settimanali delle sue navi gigantesche e usi piuttosto i 150mila euro per ridurre il tenore di zolfo nei suoi carburanti quando le navi entrano in laguna. Questa delibera – concludono – va ritirata, altrimenti si dovrà concludere che l’amministrazione comunale getta solo fumo negli occhi ai suoi cittadini».

M.F.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui