Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Alles, parte il ricorso contro Zaia

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

mag

2013

 

Via libera all’Avvocatura contro il revamping, oggi assemblea in Municipalità

MARGHERA – La Giunta comunale ha dato il via libera all’Avvocatura Civica per avviare il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale del Veneto (Tar) contro l’autorizzazione data dalla Giunta regionale al progetto di Alles spa che prevede il potenziamento (revamping) del suo impianto di trattamento e smaltimento di fanghi e rifiuti pericolosi provenienti anche da fuori in provincia e regione. Il ricorso del Comune di Venezia punta sul fatto che l’autorizzazione ad Alles, firmata dal governatore Luca Zaia, è illegittima in quanto costituisce una variante al piano regolatore comunale che contrasta con quella già adottata dal Comune e che prevede il trattamento di rifiuti a Porto Marghera solo nel caso che provengano dalla nostra provincia. Intanto, questa mattina (dalla ore 10) nella sala consiliare della Municipalità di Marghera si terrà un incontro pubblico sulla questione Alles spa.

«Dopo decenni di lotte per il risanamento di questo territorio, e per la permanenza di attività non inquinanti e non dannose per la salute e l’ambiente»,

spiega un comunicato stampa del presidente della Municipalità di Marghera, Flavio Dal Corso,

«questa decisione della Giunta regionale del Veneto costituisce un rischio concreto di divenire nuovamente polo d’attrazione per tutte le attività pericolose e inquinanti. Si vuole, infatti, riproporre Porto Marghera come localizzazione della filiera produttiva per lo stoccaggio, il trattamento e lo smaltimento di rifiuti civili e industriali, speciali, pericolosi e tossico-nocivi da tutto il Veneto e anche oltre. La Municipalità di Marghera ha già approvato un documento che chiede il ritiro di tale decisione della Giunta Regionale e che invita la popolazione tutta a mobilitarsi».

Per martedì 28 maggio è in programma una manifestazione davanti alla sede della Regione.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui