Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Vedelago. La prima richiesta: archiviare Barcon

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

mag

2013

dopo il voto vedelago

Cristina Andretta ha scritto al governatore Zaia chiedendogli di cancellare gli accordi presi sulla riqualificazione dell’area

Cristina Andretta è già al lavoro. E, sulla nuova Giunta, ha già preso le sue due prime decisioni, ad iniziare dalla nomina a vicesindaco di Marco Perin, per lui una conferma: «Il sindaco in pectore era lui -è l’esordio del neo primo cittadino- Credo gli sia dovuto per quello che ha fatto e per aver accettato la decisione al momento di fare l’accordo con le cinque liste che mi hanno sostenuto». Perin, 37 anni, è sui banchi del consiglio comunale dal 1999; 412 preferenze nel 2009, quest’anno ha fatto meglio: ben 511 cittadini hanno scritto il suo nome nella scheda elettorale, il più votato di Vedelago. Sicuramente la persona che ha trascinato al successo la Andretta. «Ma è un successo della squadra -precisa l’interessato- e sono soddisfatto di quanto fatto, un grande lavoro da parte di tutti». Entro venti giorni il nuovo organo amministrativo si dovrà insediare e già le ipotesi sui nomi sono l’argomento del giorno. Cristina Andretta dovrà accontentare tutti, nel senso che in giunta le cinque liste giocoforza dovranno essere tutte rappresentate, o saranno scelte dettate dalla capacità di chi vi farà parte? Le prime due caselle già ci sono: sindaco e vice. Rimangono altre quattro da sistemare. Pensiamo di non sbagliare se una la assegniamo a Stefano Beltrame (Primavera Civica): impiegato nel mondo del katering, è stato uno dei punti cardine della vittoria della Andretta. Altre due caselle dovrebbero essere occupate dall’architetto Giorgio Sparisi (Scegli Vedelago) e da Daniele Soligo (Indipendenza Veneta). Se così fosse, rimarrebbero senza assessori Insieme per Cambiare e Adesso si Cambia. Senza trascurare l’ipotesi dell’assessorato a un esterno che potrebbe toccare a Fiorenza Morao. Cavasagra e Fossalunga non sarebbero così rappresentate in giunta.

Altro atto della neo sindaco: ieri mattina ha provveduto a inviare una lettera al Governatore Zaia, al vice presidente della giunta regionale Marino Zorzato e alla Direzione urbanistica del Veneto, con la richiesta di archiviare il progetto di riqualificazione territoriale dell’area pedemontana tra Montebelluna e Castelfranco, in pratica la cancellazione definitiva da Barcon del progetto Agricò-Rotocart.

Giorgio Volpato

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui