Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO. La commissione consiliare per la salvaguardia dell’ospedale di Dolo ha preparato un documento che sarà approvato, a meno di sorprese, nel Consiglio comunale in programma oggi pomeriggio. Il testo è stato presentato dal presidente Vincenzo Crisafi nella riunione dell’altra sera ed è stato fatto proprio dagli altri membri della commissione Paolo Menegazzo e da Giorgio Gei. Il documento sottolinea la necessità che l’ospedale di Dolo debba rimanere per acuti, chiede che non si attuino spostamenti di reparto fino all’approvazione delle schede ospedaliere e impegna il Consiglio comunale ad intraprendere tutte le azioni possibili per la salvaguardia dei suoi reparti.

Sul fronte ospedale Emilio Zen, coordinatore del Ponte del Dolo, è pessimista:

«Ci preoccupa il silenzio della Regione sulle politiche sanitarie, in particolare sulle schede ospedaliere, e anche quello dei vari Comuni sulla questione. I cittadini non vogliono rinunciare al loro ospedale, che pretendono di alto livello per acuti e pronto a rispondere in tempi rapidi alle emergenze di un ampio bacino d’utenza».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui