Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Venezia. Grandi navi, serve un’alternativa

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

31

mag

2013

 

Domani in municipio presentazione del progetto De Piccoli con Bettin e Fincato

Progetto alternativo alla Marittima. Realizzabile in un anno e mezzo, dal costo inferiore a quello per lo scavo di un nuovo canale in laguna. Gli oppositori al traffico delle grandi navi in laguna passano all’azione. E per domattina a Ca’ Farsetti hanno convocato Cesare De Piccoli, ex vicesindaco e parlamentare europeo, per la presentazione del suo progetto della nuova Marittima a Punta Sabbioni. Iniziativa del Gruppo Misto (Renzo Scarpa, Nicola Funari, Valerio Lastrucci). Ma alla presentazione, tra i relatori, ci saranno anche Gianfranco Bettin, assessore all’Ambiente della giunta Orsoni, e Laura Fincato, delegata del sindaco per le questioni internazionali.

Progetto di cui si parla da tempo, che sarà illustrato domani per la prima volta in pubblico. Banchine galleggianti – e rimovibili – posizionate davanti al Mose, in bocca di porto di Lido, dalla parte di Punta Sabbioni. Potranno accogliere otto grandi navi contemporaneamente. Il vantaggio, secondo De Piccoli, che ha commissionato l’idea a un gruppo di ingegneri marittimi, sarebbe quello di avere finalmente le grandi navi fuori della laguna, collegate però alla rete viaria di terraferma e a Venezia tramite barche.

Alternativa di cui si discute poco, dal momento che i riflettori sono puntati sullo scavo del nuovo canale Contorta-Sant’Angelo, progetto dall’Autorità portuale. Altre ipotesi riguardano Marghera (il sindaco Orsoni), l’off shore e una Marittima davanti a Sant’Erasmo (Ferruccio Falconi). Intanto, in assenza di alternative, le navi restano a San Marco.

(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui