Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Torna la guerra su Veneto City

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

2

giu

2013

Pianiga. Il comitato Opzione Zero contro il riconfermato sindaco Calzavara

PIANIGA – Dopo elezioni infuocato a Pianiga dove continuano le polemiche fra comitati e amministrazione.

«Pianiga ? È amministrata in modo feudale»:

lo dicono Rebecca Ruvoletto e Lisa Causin, del comitato Opzione Zero, comitato querelato dallo stesso sindaco in campagna elettorale per diffamazione. Calzavara aveva attaccato parrocchie e comitati ricordando lo scarso effetto dei loro appelli a non votarlo.

«Un amministratore che si scaglia con livore contro parte della propria comunità, contro gruppi portatori di interessi diffusi, come comitati ambientalisti o addirittura parrocchie», dicono Ruvoletto e Causin, «sbandierando querele di rappresaglia, è la prova dell’arroganza di una politica feudale, incapace di reggere un’opposizione limpida e civile. Opzione Zero, regolarmente registrata con tanto di codice fiscale, ha democraticamente ribadito la propria posizione contraria all’amministrazione di Pianiga, sulla ratifica della “nuova città” di Veneto City. È entrata direttamente e con chiarezza nel merito mettendoci la faccia e la firma e non spalleggiando candidati. C’è l’ambiguità di un atteggiamento supino prima (quando nel 2011 il sindaco diceva di “non fare i salti di gioia” e di essere costretto ad accettare quello che si sarebbe comunque deciso altrove), ed entusiasta oggi quando dice di voler “puntare su Veneto City”, propagandando la storia dei maggiori posti di lavoro. I dati certi di categoria denunciano la perdita del triplo dei posti in queste mega-operazioni».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui