Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO –

«Il consigliere Fattoretto sostiene di non darsi per vinto insieme alla Lega Nord e che battaglierà perché l’Ospedale di Dolo non sia declassato. Lo fa scagliandosi contro il sindaco Maddalena Gottardo. La domanda che ci poniamo è questa: quante Leghe ci sono in consiglio comunale?».

A gettare benzina sulle frizioni della Lega, ci pensa il presidente della Commissione Ospedale e rappresentante della minoritaria «Per Dolo cuore della Riviera», Vincenzo Crisafi.

«Fin dai tempi del sindaco Vannini il nostro Consiglio ha frequentemente convocato i suoi consiglieri a difesa della struttura sanitaria dolese. Con scarsi risultati. Specie se consideriamo che in Regione a programmare la Sanità da circa quindici anni ci sono assessori leghisti, colleghi del nostro consigliere».

«La morale? – conclude Crisafi – Il Consigliere Fattoretto non faccia battaglia contro se stesso. A noi, gente di sinistra, resta il rammarico di non aver avuto rappresentanti dell’area brentana in Regione. Tutti sappiamo fare polemica e demagogia, ma ora è il momento di stringerci intorno al nostro Sindaco che si è impegnato a portare avanti le nostre giuste rivendicazioni».

Mentre il «Comitato Salvioli» evidenzia come Mirano non potrà mai essere l’ospedale unico dell’Ulss 13, sostenendo che l’attuale dislocazione dei reparti è ottimale.

Gianluigi Dal Corso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui