Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

CASALE – La giunta a Roma contro la 2B di Lughignano in attesa del verdetto della Regione

Il Comune ha deciso di ricorrere anche al Tar

Discarica 2-B di Lughignano. È finita sul tavolo del presidente della commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci, la documentazione della tribolata storia del mega impianto di smaltimento da 310 mila tonnellate di rifiuti di derivazione industriale che la ditta Coveri intende attivare nell’area a vocazione agricola in via delle Grazie a Lughignano di Casale. Lunedì prossimo, alle 12, a Montecitorio ci sarà il faccia a faccia tra il presidente Realacci e la delegazione guidata dal sindaco di Casale Stefano Giuliato e dall’assessore all’ambiente Massimo Da Ros. «Confidiamo nel suo spirito ambientalista» confida il primo cittadino. L’incontro è stato reso possibile grazie all’interessamento del consigliere regionale Diego Bottacin.
L’amministrazione casalese fa affidamento su quello che potrà fare Ermete Realacci (figura storica di Legambiente) in difesa dell’area di Lughignano che si trova a poche centinaia di metri dall’area del Parco del Sile. La giunta di Casale vuole stringere i tempi. Due mesi fa circa la Via regionale (Valutazione Impatto Ambientale) ha dato il benestare alla discarica Coveri. Se la la giunta regionale dovesse firmare il decreto per l’apertura della discarica, l’amministrazione farà immediato ricorso al Tar. Ma prima ci sono da giocare alcune carte per cercare di stoppare il progetto Coveri. Una eco in Parlamento sulla discarica 2-B si è avuta anche con l’interrogazione presentata dai parlamentari Patrizia Bisinella (Lega Nord) e Franco Conte (Pdl) ai ministri Orlando (Ambiente) e Lorenzin (Sanità). Anche i consiglieri regionali Luca Baggio (Lega Nord) e Piergiorgio Cortelazzo (Pdl) si sono fatti promotori di una interrogazione alla Giunta regionale sul progetto Coveri. A sua volta l’on. Simonetta Rubinato ha chiesto una moratoria che “blocchi i nuovi impianti e l’ampliamento di quelli esistenti in attesa che il consiglio regionale approvi in via definitiva il nuovo Piano dei rifiuti urbani e speciali”.

Nello Duprè

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui