Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Incontro pubblico domani allo Squero

DOLO Le critiche di Sel contro la Lega Nord

Un incontro pubblico per parlare del futuro dell’ospedale di Dolo, è stato promosso per domani, alle 20.30 allo Squero Monumentale da Sel di Dolo. Interverranno Emilio Zen, il medico Fortunato Guarnieri, il segretario provinciale Cgli-Fp, Sergio Chiloiro e l’onorevole di Sel Giulio Marcon. Intanto, la lista d’opposizione «Il Ponte del Dolo», con il suo capogruppo in consiglio Giorgio Gei, parla di «regolamento dei conti dentro la Lega Nord». Una situazione che, però, preoccupa non poco il consigliere, per paura che lo sfaldamento possa penalizzare la lotta per il mantenimento della struttura sanitaria.

«Già da mesi – sostiene Gei – alcuni consiglieri eletti in quota Lega si distinguono per il dissenso, più o meno palese, con l’amministrazione Gottardo e il culmine c’è stato nell’ultimo consiglio con le sfibranti richieste di chiarimento sulla Tares, degne di una ostruzionistica opposizione e con l’astensione di due consiglieri sull’ordine del giorno in difesa dell’ospedale di Dolo, su cui si è finalmente trovata unità di intenti e condivisione sulla linea da tenere tra maggioranza e minoranza».

E chiede anche che venga messa fine alle «beghe di cortile leghiste» e si lavori per il mantenimento dell’ospedale. Dal canto suo il consigliere Giovanni Fattoretto ha chiarito di essere e restare un «esponente della Lega Nord». Garantendo fedeltà alla sindaco Gottardo e attaccando Crisafi per ciò che il centrosinistra non ha fatto negli anni in cui ha amministrato per salvaguardare l’ospedale.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui