Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Salta un treno regionale. Pendolari rimasti a piedi.

Continuano i disagi per i pendolari noalesi vittime dei disservizi sulla linea ferroviaria Bassano-Venezia. La giornata di ieri non ha fatto eccezione, quando alla stazione della città dei Tempesta verso le 9.30 è stata annunciata la soppressione del treno regionale 5709 che sarebbe dovuto partire alle 9.41, ma invece non è nemmeno arrivato. Ha rischiato di farne le spese una studentessa universitaria che in mattinata a Venezia doveva sostenere un esame: «Per fortuna che anche il professore era in ritardo – racconta – altrimenti non so proprio come avrei potuto arrivare in tempo». Certo, la prudenza non è mai troppa e magari sarebbe stato meglio arrivare in stazione in tempo per il convoglio precedente, ma tant’è. Se la tabella di marcia fosse stata rispettata non ci sarebbero comunque stati problemi. «Non è la prima volta che sopprimono corse su questa linea – spiega la ragazza, 24 anni, iscritta a Cà Foscari al corso di laurea specialistica di “Lavoro, cittadinanza sociale e interculturalità” – almeno una corsa al mese viene cancellata. Oggi (ieri, ndr) ho dovuto aspettare il treno delle 10.02. Per fortuna quello era in orario». Identico problema lunedì scorso, quando a causa del furto di più di un centinaio di metri di cavi di rame alla stazione di Castelfranco Veneto, il regionale delle 12.57 verso Venezia non è arrivato. O come il treno delle 17.27 da Venezia Santa Lucia di martedì 21 aprile. «In quel caso l’hanno fatto partire da Mestre», sottolinea la malcapitata.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui