Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – L’elettrodotto si blocca a Roma

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

12

giu

2013

SENTENZA – Si blocca l’elettrodotto Dolo-Camin da 380 kilowatt. Il Consiglio di Stato infatti ha accolto i ricorsi contro la realizzazione dell’opera presentati da cittadini, sindaci e Comitati della Riviera del Brenta.

NUOVO PROGETTO – Terna dovrà presentare un nuovo progetto che tenga conto dell’aspetto paesaggistico dei luoghi attraversati dalla linea elettrica, ma il Consiglio di Stato ha annullato anche il decreto Via regionale e le autorizzazioni alla costruzione e all’esercizio dell’elettrodotto.

RIVIERA DEL BRENTA – Festa in piazza, i primi cittadini: «Sentenza storica».

Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso di sindaci e comitati contro la linea da 380 kV tra Venezia e Padova

TEMPI – Ora l’intero iter del progetto deve ricominciare da zero

VIGONOVO Esultano comitati e sindaci della Riviera: «I cantieri devono chiudere subito»

Terna, stop all’elettrodotto

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso sull’impatto ambientale della nuova linea Dolo-Camin

VIGONOVO – L’elettrodotto da 380 kV Dolo-Camin lungo l’asse idroviario Padova-Venezia si blocca. Con una sentenza definita «storica» dal presidente della Conferenza dei sindaci della Riviera del Brenta e sindaco di Vigonovo, Damiano Zecchinato, il Consiglio di Stato ha accolto i ricorsi contro la realizzazione dell’opera presentati da cittadini, sindaci e Comitati della Riviera del Brenta.
Terna dovrà presentare un nuovo progetto che tenga conto dell’aspetto paesaggistico dei luoghi attraversati dalla linea elettrica, ma il Consiglio di Stato ha annullato anche il decreto Via regionale e le autorizzazioni alla costruzione e all’esercizio dell’elettrodotto. La sentenza era attesa dallo scorso 30 aprile, quando il Consiglio di Stato aveva dibattuto la causa a Roma. Ci sono voluti 40 giorni perché il presidente del Collegio della sesta sezione giudicante, Giuseppe Severini, depositasse la sentenza.

Vittorino Compagno

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui