Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Mogliano, lettera di protesta dei residenti di Campocroce a Vernizzi: «Pronti ad azioni clamorose»

MOGLIANO – «Siamo pronti ad attuare azioni di protesta clamorose».  Stanchi delle promesse non mantenute sulle opere viarie complementari al Passante di Mestre, i cittadini di Campocroce di Mogliano sono pronti a passare a manifestazioni di protesta senza precedenti. Blocco del traffico del Passante? Forse.
E’ una delle ipotesi da non scartare a giudicare dal tenore della lettera di protesta che il prosidente del quartiere, Pietro Lorenzon, ha inviato al commissario del Passante Silvano Vernizzi, all’assessore regionale alla mobilità Renato Chisso e al presidente della Provincia Leonardo Muraro. Copie della lettera sono state affisse nei locali pubblici della frazione di Mogliano.

«A distanza di quattro mesi dall’ultimo incontro – si legge nella lettera del presidente Lorenzon – non abbiamo ricevuto ancora nessuna risposta alle nostre rischieste. Se il silenzio dovesse proseguire, non escludiamo azioni di protesta clamorose. Basta con la vessazione nei confronti dei cittadini di Campocroce che continua da anni».

I problemi sul tappeto sono sempre gli stessi: 1) completamento delle opere di mitigazione lungo il tracciato del Passante; 2) attuazione della pista ciclopedonale parallela alla provinciale 65 da Campocroce al confine con il comune di Zero Branco; 3) riconoscimento dei 3,5 milioni di euro a titolo di compensazione ambientale. A questo proposito va ricordato che il territorio di Campocroce è stato tagliato in due dal tracciato dell’autostrada.
Di qui la richiesta del presidente Lorenzon del risarcimento ambientale. Si tratta di ricostruire i punti di aggregazione sociale con le zone periferiche (come via Malcanton) che hanno subito i maggiori condizionamenti dall’attuazione del Passante.
Campocroce si batte per la nuova piazza, per il nuovo centro civico e per portare finalmente nella frazione il collegamento Adsl ad Internet veloce che manca da sempre.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui