Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Incidente in direzione Venezia all’altezza dell’area di servizio di Arino: un ferito

Un altro venerdì nero per i pendolari: rallentamenti anche sulle strade ordinarie

MESTRE – Una coda interminabile, nonostante le tre corsie. Macchine quasi a passo d’uomo. E poco dopo le 19 un incidente che ha complicato la situazione. Due auto si sono tamponate nella corsia di sorpasso, mentre procedevano a velocità limitata ma evidentemente non a distanza di sicurezza, poco prima di Arino, in direzione Venezia. Un urto violento e un ferito per fortuna non grave, trasportato all’ospedale di Dolo. Ma il traffico già a rilento per la coda del primo week end d’estate, è andato completamente in tilt. Le operazioni di soccorso sono state molto rapide. L’incidente è successo alle 19.10 al chilometro 369, quattro chilometri prima dell’area di servizio di Arino. Alle 19.50 grazie all’intervento della Polizia stradale di Mestre e dei vigili del fuoco le auto erano già state rimosse. Ma l’incidente ha provocato ulteriori rallentamenti. Giornata da bollino rosso quella di ieri in autostrada. Temperature africane e seconda vera giornata di estate. Traffico molto intenso in direzione Venezia, con rallentamenti segnalati in tutta la rete autostradale. «Mai vista una cosa del genere», commenta un poliziotto della Stradale, «una coda interminabile da Milano a Venezia». Code anche in Romea e sulla viabilità ordinaria. Famiglie dirette verso le vacanze, pendolari, vacanzieri del week end. Ma anche molti stranieri, mezzi pesanti di grandi dimensioni e bus. Disagio notevole soprattutto per i pendolari locali, rimasti bloccati nelle corsie da Padova a Venezia nell’orario di rientro dal lavoro. A tarda sera la situazione era solo leggermente migliorata. Oggi altra giornata di passione, per il primo grande esodo d’estate con picchi della circolazione previsti in tarda mattinata. (a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui