Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Borbiago. Il sindaco scrive a Chisso.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

16

giu

2013

«Più sicurezza e un semaforo in attesa del sottopasso»

BORBIAGO – Il sindaco Maniero scrive all’assessore regionale Renato Chisso e a Veneto Strade per presentare le richieste dei cittadini e della commissione Lavori pubblici sul sottopasso di Borbiago, dopo le proteste dei giorni scorsi con una manifestazione che ha visto la presenza di oltre 300 persone. La richiesta è maggiore sicurezza per ciclisti e pedoni nell’attraversamento della nuova rotatoria di Borbiago che Veneto Strade sta realizzando.

«È urgente», scrive Alvise Maniero, «che siano approntate maggiori misure di sicurezza per l’attraversamento a raso previsto dal progetto in via Monferrato».

Come prima misura il Comune di Mira chiede l’installazione di un semaforo a chiamata per pedoni e ciclisti, da far funzionare fino a che non sarà realizzato il sottopasso ciclopedonale. Per il sottopasso, il sindaco chiede poi che sia approvata con urgenza una variante al progetto, che consenta subito un intervento in corso d’opera sul sedime stradale di via Monferrato, e la realizzazione delle rampe di risalita e i raccordi alle piste ciclabili. (a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui