Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOMANI ASSEMBLEA A BOJON

CAMPOLONGO – Assemblea pubblica domani alle 21 a Campolongo sulla sicurezza degli argini del fiume Brenta, dopo che nelle scorse settimane le piene hanno messo in evidenza una situazione molto grave con fontanazzi e risalite dall’alveo del corso d’acqua . L’appuntamento è alla trattoria “La Rustica” a Bojon.

«Si è constatato», spiegano Elisabetta Bovo e Marino Zambon del comitato Brenta Sicuro, «un’enorme e preoccupante erosione della parte fronte acqua, più drammatica ad ogni piena, nuove infiltrazioni d’acqua dall’unghia dell’argine ultimamente cresciute a dismisura».

In via Rivelli e strade laterali l’ampiezza dei fontanazzi e delle risalite solitamente era di tre metri.

«Ora», spiegano i residenti, «misurano più di 30 metri e minacciano strade e decine di abitazioni a ridosso degli argini. L’incontro serve a sensibilizzare sullo stato di degrado delle rive del fiume Brenta. C’è l’esigenza di monitorare più spesso gli argini per evitare gravi rischi a case e persone».

Il comitato Brenta Sicuro è nato da qualche anno ed è una delle numerose realtà presenti nei nostri territori che subiscono da anni danni idraulici ad ogni pioggia. (a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui