Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Pedemontana, lavori fino alla fine

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

16

giu

2013

È l’unica grande opera del Nordest finanziata dal ministro Lupi: ok ai cantieri

PADOVA – C’è anche l’autostrada Pedemontana veneta nelle grandi opere finanziate dal «decreto del fare» varato ieri dal consiglio dei ministri. Il premier Enrico Letta e il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi hanno istituito un fondo di 2 miliardi di euro per il 2013-17 per «consentire la continuità dei cantieri in corso o per l’avvio di nuovi lavori». 300 milioni di euro sono destinati al miglioramento della rete ferroviaria, gli altri andranno agli assi autostradali mentre con una delibera del Cipe si finanzieranno l’asse viario Quadrilatero Umbria–Marche, la linea metropolitana M4 di Milano, il collegamento Milano-Venezia terzo lotto Rho-Monza, la linea 1 della metropolitana di Napoli, l’asse autostradale Ragusa-Catania, la tratta Cancello –Frasso Telesino della linea alta velocità Napoli-Bari, la tratta Colosseo – Piazza Venezia della metropolitana C di Roma e il «Corridoio Tirrenico meridionale A12 – Appia e bretella autostradale Cisterna Valmontone». L’unica opera finanziata a Nordest è la Pedemontana veneta, l’autostrada da Montebello vicentino a Spresiano: dopo il primo cantiere inaugurato a Montecchio Precalcino a febbraio sono ripresi i lavori nel tratto fra Marostica, Nove, Bassano del Grappa e Rossano Veneto, tutti in provincia di Vicenza. Il costo del tracciato lungo 94 km, di cui 43 in trincea, 14 in galleria ed un viadotto è stimato in 2 miliardi e 130 milioni di euro, 173 dei quali contributo pubblico. Si prevedono 2.800 espropri su una superficie di 7,8 milioni di metri quadrati. Dopo un difficile contenzioso per l’assegnazione della gara d’appalto vinta dal Consorzio Stabile Sis con il project financing e i diversi ricorsi al Tar promossi dai comitati «No pedemontana», tutto sembra superato e fra sei anni si dovrebbe circolare. Sarà proprio così?

Albino Salmaso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui