Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Raggiunto l’accordo nella maggioranza, martedì la giunta approverà le schede

I primariati calano da 850 a 750. Cura dimagrante anche nella medicina privata

VENEZIA – Riunioni-fiume di maggioranza per sbloccare le “schede sanitarie”, cioè i documenti di programmazione destinati a modificare in modo irreversibile il modello pubblico di cura nel Veneto. In settimana, capigruppo e assessori di Lega e Pdl hanno discusso a più riprese tagli, aggiustamenti e spending applicata al sistema ospedaliero. Un tira e molla condizionato da pressioni territoriali e di lobby, che ha costretto l’assessore Luca Coletto e il segretario generale Domenico Mantoan a un arbitrato tra mozioni contrapposte. Nella stretta finale ha fatto capolino il governatore Luca Zaia e la sua mediazione è valsa non poco a raggiungere un’intesa sostanziale. Qualche perplessità rimane, soprattutto da parte del presidente della commissione sanità Leonardo Padrin che lamenta la persistenza di sprechi e doppioni, ma il via libera all’approvazione delle schede è arrivato e la giunta, probabilmente, sancirà l’approvazione nella seduta di martedì. Quali sono i cardini della manovra? Il punto più delicato riguarda la riduzione dei posti letto, peraltro obbligatoria per legge. L’indice di spedalizzazione è ricalibrato su 3 posti letto per mille abitanti; attualmente sono circa 20 mila, dovranno scendere (in un arco quinquennale) a 17.500, 15 mila riservati ai pazienti acuti e i restanti alla riabilitazione. Attenzione: non si tratterò di un taglio netto perché i 2500 posti letto in esubero saranno in parte riconvertiti negli ospedali di comunità (quelli di secondo grado rispetto agli “hub” dei capoluoghi) e un’altra quota, pari a 4-500 unità, sarà riservata ai pazienti extraveneti. Morale della favola? Il saldo netto sarà di mille degenze in meno e la mappa dei tagli, su base provinciale, prevede -400 posti letto pubblici a Verona (la più colpita); -150 a Venezia; – 100 a Belluno e Rovigo (la penalizzazione iniziale era più elevata ma in extremis hanno strappato una briciola in più); – 70 a Padova e Treviso; immune, invece, Vicenza, già sottoposta a una cura dimagrante negli anni scorsi. A completare la quota, il centinaio di unità sottratte alla sanità privata, a sua volta a chiamata a contribuire alla ristrutturazione. Ma in ballo ci sono anche i primariati, che scenderanno progressivamente a 750 dagli 850 attuali. In questo caso, più che di uno sfoltimento drastico, si tratta di un blocco del turnover: attualmente le posizioni apicali scoperte sono, appunto, un centinaio e spesso riguardano reparti in via di smantellamento oppure “doppioni” in ospedali limitrofi. Capitolo chiuso? No di certo, una volta licenziata dalla giunta, la riforma della sanità regionale approderà in commissione e poi nell’aula del Consiglio veneto. Assalti alla diligenza in vista.

Filippo Tosatto

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui