Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Ecomafie, crescono i reati in Veneto

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

18

giu

2013

ROMA – Presentato da Legambiente il rapporto sull’illegalità ambientale nelle regioni italiane

ROMA – Un fatturato di 16,7 miliardi di euro, 34.120 reati accertati, 28.132 persone denunciate, 8.286 sequestri. E come se non bastasse, aumenta il numero dei clan criminali che si spartiscono la torta, passando da 296 a 302, e quadruplicano i comuni sciolti per infiltrazioni mafiose che passano da 6 a 25, salgono gli incendi boschivi, cresce l’incidenza dell’abusivismo edilizio e soprattutto la piaga della corruzione con il raddoppio delle denunce e degli arresti. È una fotografia impietosa quella scattata dal ventesimo rapporto sull’illegalità ambientale “Ecomafia 2013″ realizzato da Legambiente con il contributo delle Forze dell’Ordine.
Il 45,7% dei reati è concentrato nelle quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa: Campania, Sicilia, Calabria e Puglia. La leadership tra le regioni del nord tocca alla Lombardia, mentre in Trentino Alto Adige gli illeciti sono quasi triplicati. Da segnalare anche l’incremento degli illeciti accertati in Veneto, con un +18.9 per cento. Il Veneto è all’undicesimo posto con 995 infrazioni accertate, pari al 2.9 per cento del totale, 939 persone denunciate, una arrestata e 196 sequestri. Il Friuli Venezia Giulia è al 16. posto con 769 infrazioni, pari al 2.3 per cento del totale, 628 persone denunciate e 282 sequestri.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui