Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

MARGHERA – La Provincia dice no all’ampliamento di Alles. Ieri il Consiglio provinciale ha votato all’unanimità una mozione contro il potenziamento del sito che a Marghera tratta i rifiuti speciali. Pollice verso anche dal presidente Zaccariotto. Per Alles si tratta della seconda bocciatura in appena tre anni, visto che già nel 2010 i consiglieri provinciali avevano votato contro il progetto. La mozione, presentata in commissione dal Pd e da altri consiglieri di minoranza, prevede inoltre che la Giunta si attivi nei confronti della Regione e che la Provincia ricorra al Tar assieme al Comune. Oltre a dire di no all’ampliamento dell’impianto per il trattamento di rifiuti speciali – che in molti vedono come premessa per far tornare Porto Marghera la discarica d’Italia – nel mirino della Provincia c’è ancora una volta lo “strapotere” della commissione regionale Via. Come per il progetto della Nekta, anche per Alles la commissione regionale non ha tenuto conto del parere negativo espresso dalle amministrazioni locali. In quel caso, l’assessore provinciale all’Ambiente, Paolo Dalla Vecchia, e la Zaccariotto scrissero una lettera di fuoco allo stesso Zaia, denunciando tutti i dubbi e le preoccupazioni che la Provincia nutriva nei confronti della commissione Via regionale.

«L’organismo tecnico della Via regionale – attacca Dalla Vecchia – è composto da esperti non eletti, ma nominati, che possono permettersi di decidere di fare una variante urbanistica contrariamente alle posizione degli amministratori comunali e alle osservazioni rilevate in ambito ambientale e presentate dalla Provincia. Su Alles il Comune si è già dichiarato contrario all’ampliamento perché in contrasto con la vigente pianificazione urbanistica e territoriale, mentre gli uffici provinciali competenti hanno raccolto e presentato una serie di osservazioni che rilevano tutte le criticità».

Lionello Pellizzer, consigliere provinciale del Pd e primo firmatario della mozione, usa toni ancora più decisi:

«Alles è un caso sconcertante – osserva – perché la commissione regionale Via, un organo tecnico di nominati, ha di fatto esautorato Comune e Provincia, organismi democraticamente eletti dai cittadini. È fondamentale che tutto il Consiglio provinciale abbia dimostrato la sua piena contrarietà al progetto ed è significativo che al voto abbia partecipato anche la Zaccariotto».

Dopo il voto contro del Consiglio regionale, del Comune e della Provincia, sul caso Alles la Giunta regionale è rimasta praticamente sola.

Marco Dori

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui