Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Consiglio comunale unanime, lunedì sera, sulla delibera contro il mega elettrodotto Terna. Il testo, uguale a tutti i consigli comunali dei paesi interessati, mira a coinvolgere direttamente la Regione nei confronti di Terna. Il sindaco Giovanni Battista Mestriner in consiglio non ha fatto che ribadire posizioni già avanzate.

«Siamo contrari al progetto perché non ci sono evidenti vantaggi tra costi e benefici. Una posizione comune con gli altri enti locali».

Tra le motivazioni della delibera, la mancanza di una compensazione ambientale e misure che salvaguardino cittadini e territorio. Favorevole anche il Pd con Giuliano Zugno che dice: «Se si rappresenta il territorio non c’è colore politico che possa dividerci». Approvato in consiglio anche lo sperimento dello spostamento del mercato infrasettimanale dal 9 luglio fino alla fine di agosto dal Piazzale Donatori di Sangue al centro a Scorzè lungo via Roma, in piazza Aldo Moro, piazza I Maggio e un tratto di via Treviso a fianco della chiesa.

 

Volpago. Elettrodotto: «Comune troppo soft»

VOLPAGO – (L.Bon) «Sull’elettrodotto, Comune troppo morbido»: la Tonellato non ci sta. L’ambientalista Paola Tonellato contesta infatti il tono della delibera che sarà approvata oggi alle 18 in consiglio a proposito del nuovo elettrodotto, per il quale è prevista a Volpago, oltre al passaggio, una stazione.

«Da tre anni i sindaci dicono che la Regione deve essere il loro interlocutore -afferma la Tonellato- che senso ha oggi volere un tavolo congiunto? Sarebbe come se i professori nel fare gli scrutini avessero bisogno di chiamare i ragazzi per decidere sulle varie materie: ma non sono già in possesso di tutti i dati? Inoltre la cosa è inaccettabile per Volpago, dove è prevista anche la stazione».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui