Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Appello al ministro per il casello di Vetrego

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

giu

2013

MIRANO –

«Danni alla salute per migliaia di persone, da almeno quattro anni».

Le nuove tariffe non sono ancora state applicate, il problema del tornello rimane e ai residenti di Vetrego non resta che continuare la mobilitazione.
Ad alzare la voce è Giuseppe Vesco, segretario del comitato “Rinascita Vetrego”, che a titolo personale ha spedito due lettere al Ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e al Prefetto di Venezia Domenico Cuttaia chiedendo un intervento risolutivo.

«Siamo di fronte quotidianamente ad un ingorgo di auto e camion, la cui origine deriva da una scelta di certi funzionari regionali che hanno “liberalizzato” un tratto dell’autostrada A57 (ex A4) nonostante il relativo decreto lo permettesse soltanto a condizione che venisse arretrata la grande barriera autostradale – scrive Vesco -. Tale scelta ha costretto migliaia di automobilisti a fare delle stressanti code giornaliere, rovinandosi il fegato e la salute, oltre a spendere molti soldi durante le lunghe soste con il motore acceso».

In attesa di organizzare un presidio di protesta a Roma, i residenti stanno preparando pure un esposto alla Procura. (g.pip.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui