Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Tribuna di Treviso – Rotocart ora punta su Castelfranco

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

giu

2013

VEDELAGO. Il progetto Barcon si chiude. La Rotocart spa, azienda di Piombino Dese proponente la realizzazione della cartiera, punta ora su Castelfranco. Nei giorni scorsi tuttavia a Vedelago si rincorrevano le voci sulla possibilità che i proponenti intendessero riproporre sotto altra veste il progetto di Barcon tramite una progettazione per stralci più piccoli. Su questo è netta la smentita da parte della giunta Andretta. «Al momento non è pervenuta alcuna richiesta di questo tipo», precisa il sindaco Cristina Andretta, «nè in via ufficiale nè in via ufficiosa. Per noi il progetto Barcon è cosa chiusa». Per ora dunque nessuna ipotesi di riproposizione del progetto di Barcon. La Rotocart del’imprenditore Gelain guarda a Castelfranco, dove la maggioranza leghista intende rimettere all’asta l’area tra via Sile e via Lovara, su cui appunto potrebbe sorgere la cartiera. Il progetto di Barcon aveva ottenuto il sostegno dell’ex primo cittadino Paolo Quaggiotto, trovando al tempo stesso l’opposizione del Comitato Spontaneo Barcon Viva sorto proprio per bloccare il progetto. Furono raccolte oltre 6 mila firme contro il mega insediamento agro industriale, presentate in Comune, Provincia e Regione. Contro il progetto si schierarono anche le associazioni di categoria della piccola e media impresa, le rappresentanze sindacali e diverse associazioni ambientaliste e di tutela paesaggistica. (d.q.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui