Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DETERMINATI – Il sindaco Loredana Baldisser e il suo vice, Federico Dussin, intendono attuare il nuovo Pat

ASOLO – Il vicesindaco Dussin gela l’opposizione che nell’ultimo Consiglio aveva cantato vittoria

Il Pat di Asolo tiene ancora banco, dal giallo della firma alle critiche mai sopite. Il vicesindaco Federico Dussin funge da pompiere per l’ennesima volta in questa tormentata legislatura e mette i puntini sulle “i” relativamente alla polemica sorta sulla firma “fantasma” dell’architetto Franco Mancuso sui documenti del piano (che il professionista ha negato di aver mai messo) e sulla volontà dell’Amministrazione di adire alle vie legali per difendere il Comune, come dichiarato nell’ultimo Consiglio, come sempre accesissimo. Un passo, hanno interpretato le opposizioni, che potrebbe significare un brusco stop all’iter burocratico dello stesso Pat e per questo hanno dai banchi delle minoranze si è levato al soffitto un grido alla vittoria.
«Le dichiarazioni dei consiglieri di minoranza riportate negli articoli di stampa -spiega infatti Dussin- distorcono la realtà dei fatti. Innanzitutto, non è prevista una colata di cemento sul territorio comunale e neppure vengono compromessi i valori ambientali e paesaggistici di Asolo. Se sarà possibile dare corso alla procedura di approvazione del Pat, l’Amministrazione promuoverà incontri per spiegare alla cittadinanza i veri contenuti del piano e dimostrare quanto siano infondate e pretestuose le polemiche sollevate in proposito.
Quanto al presunto “pasticcio” della firma, il vicesindaco assolve con decisione l’Amministrazione: «Nell’imminenza dell’adozione ci siamo trovati di fronte alla dichiarazione dell’architetto Mancuso di non aver partecipato alla redazione del Pat; ci siamo quindi subito attivati per verificare quali potevano essere le conseguenze e ora stiamo valutando quale sia la soluzione più consona all’interesse comunale, se cioè sia ancora possibile acquisire il contributo dell’architetto alla elaborazione del piano o adire le vie legali».

Gabriele Zanchin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui