Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

QUARTO. I NUOVI ORARI DEI TRENI

QUARTO D’ALTINO. Nuovo orario cadenzato in autunno sulla linea ferroviaria Venezia-Trieste: dopo i sindaci, anche il comitato dei pendolari di Quarto d’Altino chiede di essere ascoltato in Regione. Intanto il sindaco Silvia Conte, in collegamento con il consigliere regionale Bruno Pigozzo, sollecita che l’audizione davanti alla commissione trasporti si possa tenere al più presto.

«Siamo in attesa della conferma della data di convocazione. Mi auspico», spiega Conte, «che avvenga prima di agosto. Altrimenti rischiamo di ripetere quanto accaduto lo scorso anno, quando i termini per le osservazioni sulla Tav avevano scadenza a Ferragosto. Noi sindaci abbiamo espresso la necessità di essere ascoltati dalla Regione e ora pure i pendolari hanno chiesto che sia data voce anche a loro».

La richiesta di audizione in Regione è stata inviata dai rappresentanti del comitato pendolari di Quarto d’Altino. Accanto ai pendolari altinati, peraltro, si stanno mobilitando anche gli utenti bellunesi, pure loro alle prese con i problemi dell’orario cadenzato, la cui introduzione è prevista per il prossimo autunno. Intanto, sulla Venezia-Trieste, proseguono i disagi, con nuovi ritardi e soppressioni. (g.mon.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui