Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAMPOLONGO – Il sindaco rassicura i residenti: sorgerà lontano da scuole e abitazioni

L’antenna sarà spostata. Hanno vinto i cittadini

L’antenna Umts sarà spostata, sarà collocata all’interno di aree entrate in disponibilità del Comune, lontano dalle case e dalle scuole in un luogo idoneo che non danneggi il patrimonio comunale. L’amministrazione installerà una stazione di monitoraggio che rilevi i dati ambientali in modo permanente. I dati saranno consultabili da tutti attraverso il sito internet dell’ente. Lo promette il sindaco di Campolongo Maggiore, Alessandro Campalto, in una lettera inviata ai cittadini che si sono mobilitati per spostare l’antenna. Il sindaco non risparmia qualche nota polemica a chi ha lamentato un disinteresse dell’amministrazione sulla vicenda. «Sono stimolato ad entrare nel dibattito poiché continuo a ricevere e-mail prolisse, cariche di inesattezze ed affermazioni faziose con risvolti allarmistici. Queste sono strumentalizzazioni attuate con il solo scopo di creare disinformazione e che non contribuiscono al buon esito della vicenda. Il promotore della protesta non si è mai elevato a formale rappresentante dei cittadini, chi perora una causa deve assumersi anche delle responsabilità», dice il primo cittadino. Campalto descrive poi gli interventi attuati in questi otto mesi, dalla ricerca di siti alternativi, alla soluzione di via Boligo, dalle trattative per un’area in zona «Poste», ai contatti con l’Istituto Diocesano Sostentamento Clero, proprietario di un’altra area. Tre assemblee pubbliche, 12 incontri con i cittadini, numerosi incontri tecnici con la società installatrice. Per Campalto è falso che l’amministrazione si sia disinteressata della vicenda.

Emanuele Compagno

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui