Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Interrogazione ai ministri di Casson (Pd): esaminare le tre ipotesi sul tappeto

«Tutte le proposte alternative per le grandi navi sul tavolo del ministro. E nel valutarle si dovrà tener conto del riequilibrio idrogeologico della laguna, l’inversione del degrado e l’eliminazione delle cause che lo hanno provocato».

Il senatore veneziano Felice Casson scrive ai ministri delle Infrastrutture e dell’Ambiente. E chiede che il 25 luglio i ministri e i tecnici prendano in esame tutti e tre i principali progetti alternativi. Quello del presidente dell’Autorità portuale Paolo Costa che prevede

«il mantenimento dell terminal croceristico nell’attuale sede della Marittima, tracciando il percorso in laguna attraverso la bocca di porto di Malamocco con un nuovo canale scavato all’interno della laguna); quello di Cesare De Piccoli, «autore della proposta di un nuovo terminal all’interno della bocca di Lido in prossimità del molo nord, che evita l’ingresso delle grandi navi in laguna»; e quella del sindaco Giorgio Orsoni, con un nuovo terminal a Marghera.

Tutte e tre le proposte, scrive Casson,

«non prevedono il transito delle grandi navi da crociera per il bacino San Marco e la Giudecca, così come indicato all’articolo 2 del decreto Clini-Passera del 2 marzo 2012, seppur la proposta dell’Autorità portuale appaia fin d’ora poco rispettosa dell’equilibrio ambientale e idrogeologico della laguna».

Un «no» secco dunque allo scavo del Contorta. Che a parere di molti esperti – a cominciare dall’ingegnere idraulico Luigi D’Alpaos – potrebbe provocare serie ripercussioni sull’equilibrio della laguna per la perdita dei sedimenti.

Dubbi espressi anche da ambientalisti che ricordano i tanti problemi nati dopo lo scavo del grande canale Malamocco -Marghera nel 1969, allora per far entrare in laguna le petroliere.

Dunque? Secondo il Comune la proposta più veloce è quella di Marghera, secondo altri il terminal a Punta Sabbioni potrebbe risolvere il problema dell’allontanamento delle navi. Partita aperta, si decide il 25 luglio.(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui