Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

NOALE – L’ampliamento della ditta Cosmo Ambiente di Noale finisce in Parlamento. Nei giorni scorsi il Movimento 5 Stelle, con primo degli undici firmatari il miranese Emanuele Cozzolino, ha presentato un’interrogazione al ministro per i Beni e le attività culturali Massimo Bray per sapere se tutte le leggi in materia di tutela del paesaggio sono state rispettate dagli organi competenti. Nei mesi scorsi, la giunta regionale ha preso atto del parere positivo espresso in precedenza dalla commissione di Valutazione d’impatto ambientale (Via) sull’adeguamento tecnologico dell’azienda al confine con Salzano, approvando il progetto per stoccare i rifiuti. La ditta è autorizzata a gestire 21.500 tonnellate di rifiuti, di cui, per un massimo di 9.000 tonnellate, speciali pericolosi. I comitati della zona, Noale Ambiente e Ambiente Sicuro di Salzano si sono sempre detti contrari a questa ipotesi, con manifestazioni nella sede di Veneto Strade durante la discussione del progetto, dibattiti pubblici e una fiaccolata lo scorso gennaio per le vie del centro di Noale. Ora il M5S ha chiesto informazioni pure al governo e Bray dovrà rispondere per iscritto.(a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui