Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO

«La suddivisione tra polo medico a Dolo e polo chirurgico a Mirano diminuisce i servizi ai cittadini».

Ancora bordate sulle nuove schede ospedaliere. Venerdì mattina Rifondazione comunista ha manifestato davanti agli ospedali di Mirano e Dolo distribuendo volantini contro la riorganizzazione sanitaria sul territorio e i ticket sui farmaci.

«La dimensione chirurgica e medica deve essere mantenuta in entrambi gli ospedali, con un polo per la riabilitazione a Noale. Ma l’illogica riorganizzazione fatta è solo un aspetto della politica sanitaria veneta di Lega e Pdl», denuncia Luigi Gasparini, «la Regione ha anche approvato una legge che costringe le fasce più deboli a pagare per intero i ticket sui farmaci. Non sarà più esente, per esempio, il pensionato o lavoratore che nell’anno precedente ha conseguito un reddito Irpef lordo superiore a 615,38 euro mensili».

Per questo il Prc, attraverso Pietrangelo Pettenò, ha presentato in Regione una proposta di legge per abolire i ticket su farmaci e prestazioni sanitarie per persone e famiglie con reddito inferiore a 16 mila euro, ripristinando il precedente criterio per l’esenzione, innalzando però la soglia originariamente fissata a 12 mila euro.

La manifestazione agli ingressi dei due ospedali dell’Asl 13 si è svolta alla vigilia della commissione regionale sanità che la prossima settimana vaglierà le schede ospedaliere.(f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui