Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

La risposta è stata vergata in poche righe. Quelle che bastano per comprendere – almeno apparentemente – la linea di Ca’ Farsetti sulla questione grandi navi. Vicenda non facile, ovviamente, ma è toccato al sindaco Giorgio Orsoni rispondendo ad un’interrogazione del consigliere Beppe Caccia (In Comune) dell’8 maggio scorso indicare le ipotesi ora sul tappeto in attesa della prossima riunione con i ministri Lupi (Infrastrutture) e Andrea Orlando (Ambiente) prevista per il 25 luglio prossimo.
E pur tra le righe di una risposta “ufficiale” al consigliere Caccia, il sindaco non nasconde la sua posizione sull’opportunità di un terminal a Marghera; prendendo le distanze dal piano Contorta-Sant’Angelo promosso dall’Autorità portuale, ma dimostrando un certo interesse per il progetto di Cesare De Piccoli, quello che prevederebbe un Terminal per le grandi navi alla bocca di porto del Lido. Insomma, nessun “appoggio” ufficiale, ma almeno un’apertura di credito.

«Il decreto Clini-Passera – sottolinea il primo cittadino nella nota inviata al consigliere di “In Comune” – a meno di una sua modifica o abrogazione, deve essere ottemperato: l’adempimento comporta come unica soluzione percorribile e in tempi brevi quella di un nuovo terminal passeggeri a Marghera. A tale ipotesi sono contrari il presidente dell’Autorità Portuale, Paolo Costa, e i sindacati che sostengono l’ipotesi del nuovo canale Contorta Sant’Angelo. Ciò comporterebbe uno scavo di dieci metri rispetto agli attuali e allargato fino ai duecento, con ripercussioni immaginabili sull’ecosistema idraulico».

Nella sua risposta, Orsoni “apre” anche al progetto dell’ex parlamentare Cesare De Piccoli:

«Anche una previsione a Punta Sabbioni – avverte il sindaco – può costituire una alternativa per saltare il Bacino di San Marco e la Giudecca. Il tutto sarà oggetto di valutazioni nella commissione consiliare convocata domani dove le parti comunicheranno le rispettive posizioni e l’eventuale concordanza per una soluzione condivisa».

E sempre in merito alla questione “Grandi Navi”, va segnalato che Massimo Bitonci, presidente dei senatori della Lega Nord, ha presentato ieri a Palazzo Madama un’interrogazione ai ministri Orlando e Lupi sulla vicenda delle navi crociera a Venezia. «Chiediamo una soluzione – ha detto – che tuteli i posti di lavoro a prescindere dalla salvaguardia ambientale e della salute pubblica».

P.N.D.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui