Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Tribuna di Treviso – Corsa al ritorno ai terreni agricoli

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

lug

2013

IL CASO IN COMUNE

Richieste per le trasformazioni di proprietà: l’Imu è troppo salata 

VITTORIO VENETO – Anziani con pensione minima attorno ai 500 euro costretti a pagarne 2.500 di Imu per un terreno di proprietà, già agricolo, oggi edificabile, che nessuno vuole acquistare in tempi di crisi come questi. Sono numerosi i vittoriesi che si trovano in così gravi difficoltà e che attendono un aiuto dal Comune. Dovrebbero accendere un mutuo in banca per pagare l’Imu, ma la pensionare popolare non glielo permette. «Non chiedono contributi in denaro ma un atto amministrativo che trasformi il loro terreno in proprietà da edificabile ad agricolo», spiega Alessandro De Bastiani, consigliere comunale del Pd.

Un passo indietro, però, sembra improponibile, stando almeno a quanto si sostiene ai piani alti di piazza del Popolo. L’argomento sarà dibattuto nella seduta dell’assemblea municipale in programma il 15 luglio. A chi ha bussato al suo ufficio, il sindaco ha promesso d’interessarsi a loro caso, ma ha pure ammesso che ci sono difficoltà tecnico-burocratiche. Ed ecco la protesta del Pd. «Il sindaco non può esimersi dall’affrontare queste emergenze. Deve intervenire con atti concreti per mettere in sicurezza queste famiglie. E non dica che è solo colpa del governo. Lui, che ha cancellato la Tosap per centinaia di migliaia di euro, può sicuramente fare qualcosa per queste situazioni», lo stimola De Bastiani.

La soluzione potrebbe passare per l’approvazione del Pat, il piano di coordinamento territoriale, atteso in città da almeno 9 anni. Invece – protesta ancora il Partito Democratico – si continua a portare in Consiglio comunale varianti al piano regolatore decise a palazzo e fate passare a suon di maggioranza in consiglio comunale. Succederà anche con il prossimo consiglio comunale. Varianti che, almeno in un caso, non sarebbero gradite nemmeno da una parte della maggioranza.

(f.d.m.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui