Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

“NO” TRASVERSALE – Dal Pdl a Sel un fronte compatto: «Già dato»

PAESE – La commissione provinciale nel sito in cui Mosole vorrebbe accatastare rifiuti speciali

«Non sono mai contrario a priori ed è vero che in tutto il nord Italia manca un sito per i rifiuti contenenti amianto, ma non posso non condividere le istanze espresse dal Comune: per quanto riguarda le discariche, Paese ha già dato»: parola di Franco Bonesso, presidente del Pdl della commissione provinciale Ambiente che ieri mattina si è recata in visita alla discarica Terra di via Baldrocco. Obiettivo del tour, dopo aver sentito i pareri della ditta, del sindaco e dell’Arpav, permettere ai consiglieri di vedere con i propri occhi dove sarebbero seppelliti i nuovi 460mila metri cubi di scarti contenenti amianto che il gruppo Mosole ha chiesto alla Regione di poter stivare nella Terra.
«Non se ne dovrebbe nemmeno discutere – chiude la porta Luigi Amendola, capogruppo di Sel – la concentrazione di discariche a Paese è tale che quasi non si capisce dove ne finisce una e dove ne inizia un’altra. Adesso basta». Il progetto, però, resta in piedi. Anche perché, oltre a queste prese di posizione e alle rassicurazioni verbali che i capigruppo di Lega e Pdl hanno dato all’assessore all’Ambiente, Vigilio Piccolotto, sulla valutazione del progetto del gruppo Mosole la commissione è spaccata. Paese ha messo in campo tutto quello che poteva: il “niet” compatto dell’intero consiglio comunale, quello ancora più forte espresso dal sindaco che non ha mancato di far presente il problema sia in provincia che a Venezia, le proteste dei cittadini e dei gruppi ambientalisti e le oltre 7 mila firme consegnate nella mani di Muraro e di Zaia. A quanto pare, però, non è bastato a convincere i consiglieri. Tanto che dopo il rinvio del voto per organizzare la visita alla Terra, adesso al Sant’Artemio la discussione sull’amianto di Paese potrebbe riprendere a settembre.

Mauro Favaro

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui