Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nell’ambito del bando Trans-European Transport Network 2012 è stata selezionata dall’Unione Europea la proposta presentata dall’Autorità Portuale di Ravenna, relativa al grande progetto dell’Hub Portuale di Ravenna.

Tale proposta riguarda la progettazione definitiva delle opere del cosiddetto “Progettone” per l’approfondimento del canale Candiano, già oggetto di approvazione da parte del Cipe, e tutte le necessarie analisi tecniche di supporto (ambientali, archeologiche, geologiche, geotecniche).

Il costo complessivo della proposta progettuale è di 4,394 milioni di euro di cui il 50% (pari a 2,197 milioni) co-finanziato dall’Unione Europea.

Le opere oggetto della progettazione definitiva riguardano principalmente l’approfondimento dei fondali del porto, il miglioramento dell’accessibilità nautica, il consolidamento delle banchine esistenti ed il loro adeguamento alle nuove profondità, nonché la realizzazione di nuove banchine operative e del nuovo Terminal Container.

L’Unione Europea ha motivato la selezione della proposta presentata dall’Autorità Portuale di Ravenna, basandola su «gli importanti effetti socio-economici» connessi alla realizzazione del progetto dell’Hub Portuale di Ravenna.

All’interno dello stesso Programma comunitario è stato selezionato anche, con un contributo di 4 milioni di euro (pari al 10% dell’importo complessivo), un progetto – presentato dalla Provincia di Ferrara con il patrocinio e supporto dell’Autorità Portuale di Ravenna, della Regione Emilia-Romagna e dell’Aipo – per i lavori di adeguamento dell’idrovia ferrarese e di collegamento con il sistema idroviario padano-veneto.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui