Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Sindaci, fronte comune per salvare gli ospedali

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

lug

2013

Incontro con il direttore dell’Asl 13 Gumirato.

Aumentare la quota di finanziamento pro-capite, mettere a norma le strutture, ridurre al minimo i disservizi: sono questi i tre cardini su cui poggerà la relazione dei sindaci della Riviera e del Miranese che sarà presentata nelle prossime settimane alla commissione Sanità del consiglio regionale.

Tra i sindaci c’è del malumore per le scelte della giunta Zaia sul futuro della sanità locale: le schede ospedaliere prevedono che entro il 2015 gli ospedali di Dolo e Mirano diventino rispettivamente polo medico e polo chirurgico.

Molti esprimono perplessità e ribadiscono come l’Ulss 13 sia tra le aziende sanitarie meno finanziate del Veneto.

Mercoledì i 17 sindaci si sono riuniti a Mira per incontrare il direttore generale dell’Ulss Gino Gumirato in un tavolo presieduto da Fabio Livieri, primo cittadino di Campagna Lupia e presidente della Conferenza dei sindaci.

Uno dei cardini della battaglia portata avanti dai primi cittadini è il sotto-finanziamento: «La forbice si sta accorciando ma non basta, continueremo a chiedere un allineamento con le altre Ulss» garantisce Livieri.

Un altro tema caldo è la riorganizzazione dei vari reparti: «L’importante è che non vi siano disservizi – prosegue Livieri – Pensiamo alla chirurgia: sarà a Mirano, ma è importante che un livello assistenziale di base sia garantito pure a Dolo. E poi pensiamo a cardiochirurgia: per Mirano è necessario intensificare il rapporto con l’ospedale di Mestre».

Da Mirano il sindaco Maria Rosa Pavanello ha illustrato un documento condiviso da giunta e capigruppo in cui si chiede che sia a Mirano che a Dolo vengano garantiti i servizi essenziali nonostante la suddivisione tra i due poli. (g.pip.)

V COMMISSIONE – Arriva un dossier sulle schede sanitarie

VENEZIA – Continuano le audizioni in V Commissione regionale sulle schede socio-sanitarie. Il tempo stringe, ma è probabile che si riesca a licenziare il documento prima della fine dell’estate. E il presidente della V. Commissione Leonardo Padrin, promette chiarezza. «Alla fine di questo ciclo di audizioni sarà redatto un dossier che metteremo a disposizione di chiunque sarà interessato e che consentirà di avere il polso esatto della situazione, una panoramica sui bisogni e sulle istanze dell’intero sistema – sottolinea – In questa fase di audizioni ci sono stati e continuano a esserci pareri molto autorevoli e puntuali, anche per questo ci sarà sicuramente spazio per dei correttivi».
Padrin considera comunque che l’impostazione generale non dovrà essere toccata anche perché “ampiamente condivisa e frutto, a sua volta, di un lungo percorso”. Tra le aree che chiedono una revisione delle schede c’è la Saccisica, nel Padovano. Il sindaco di Piove, Davide Gianella a nome di tutti i colleghi della zona, ieri mattina nel corso dell’audizione con la Commissione Sanità, presieduta da Padrin, ha chiedo una revisione delle decisioni prese.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui