Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Campagna Lupia. Tanti commenti sul sito dopo lo schianto di giovedì: troppi sorpassi azzardati

CAMPAGNA LUPIA – Non mancano le polemiche In Riviera del Brenta e sul sito del nostro giornale dopo la tragedia che giovedì scorso sulla Roma a Lugo di Campagna Lupia ha spezzato la vita a Paolo Vinchesi di 57 anni, residente a Preganziol in provincia di Treviso. L’uomo transitava in direzione Chioggia e forse a causa di un malore o di un sorpasso azzardato, ha invaso la corsia opposta ed ha centrato un Tir condotto da un camionista ungherese schiantandosi contro il mezzo e morendo sul colpo.

«Sulla Romea ci accusano di aver messo un autovelox all’altezza dell’incrocio di Lova», dice il sindaco Fabio Livieri, «ma forse gli autovelox non sono mai troppi visto che i mezzi sfrecciano a tutta velocità a ogni ora del giorno e della notte». I commenti sul sito della Nuova sono chiari.

Per Veronica Boldrin si tratta di «una strada pericolosa con guidatori ancora più pericolosi, ogni giorno si rischia la vita».

Per Stefano De Dosso, «ci vorrebbe la doppia corsia in quel punto, almeno fino all’incrocio dove c’è l’autovelox».

Andrea Ronchin dice «Io ho fatto la Romea lunedi e martedi per andare a Chioggia per lavoro e ho constatato con i miei occhi che ci sono troppi sorpassi azzardati».

Davide Dall’Armi ricorda come il tratto fra Lova e Lughetto di Campagna Lupia sia il più pericoloso in assoluto e quello che ha avuto tantissimi morti a causa degli incidenti stradali.

Quelli più pericolosi, concordano tutti, sono quelli provocati da sorpassi azzardati che si tramutano in terribili scontri frontali. Nonostante i tanti moniti e i rischi che corrono molti automobilisti non riescono a resistere insomma all’ebbrezza del sorpasso, con funeste conseguenze. Un incidente che ha dunque fatto molta impressione.

Paolo Vinchesi stava con ogni probabilità raggiungendo un cliente quando lungo la Romea ha trovato la morte. La vittima, 57 anni di Preganziol, lavorava come agente di commercio nel settore dell’abbigliamento, dopo una lunga esperienza come manager d’azienda. La tragedia che gli è costata la vita si è consumata nel tardo pomeriggio di giovedì sulla Romea, tra Lughetto e Lova di Campagna Lupia. Vinchesi, che avrebbe compiuto 58 anni il prossimo 19 agosto, era da solo al volante della sua Land Rover quando si è schiantato contro un Tir condotto da un ungherese. L’auto si è accartocciata contro la motrice del camion, Vinchesi è morto sul colpo. La notizia della tragedia è arrivata a Preganziol verso le 21. I Vinchesi abitano da vent’anni in una casa abbinata al civico 30 di via Mattei, quartiere residenziale a ridosso della Schiavonia. A portare la notizia alla moglie Ornella Tora e ai figli, i carabinieri. Vinchesi era nativo di Vicenza, dove tuttora vivono i parenti. Dopo la laurea in Scienze statistiche ed economiche a Padova, aveva iniziato la sua carriera. Nel suo curriculum, un incarico da capo area alla Procter & Gamble, poi responsabile vendite per la Henkel, quindi amministratore delegato della Simod. Da anni aveva intrapreso la strada dell’agente nel settore dell’abbigliamento. Nel tempo libero, la grande passione per la lettura. I funerali potrebbero celebrarsi lunedì a Preganziol. Oltre alla moglie, lascia i figli Silvia, Vera ed Edoardo, la mamma Leda, i fratelli.(a.ab. – ru.b.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui