Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

GRANDI NAVI – Per l’ex viceministro a Roma non è stata fatta nessuna selezione dei progetti

Il sindaco: «Esaminate solo tre ipotesi alternative»

«Ma dove sta scritto che il mio progetto per estromettere le grandi navi dalla laguna è stato bocciato? Non mi pare proprio».
L’ex viceministro alle Infrastrutture Cesare De Piccoli, commenta così la notizia secondo la quale solo i progetti del Comune, dell’Autorità portuale e del parlamentare Zanetti sarebbero andati avanti. E parla apertamente di inopportuni “giochetti” che non porteranno da nessuna parte.
«Giovedì – precisa – non c’è stata nessuna istruttoria e il ministro Lupi ha detto in sede ufficiale che è stato individuato un percorso. Quindi, attendo di essere convocato per cominciare finalmente un esame di merito sui progetti, tra i quali il mio è uno dei pochi che può avere dignità progettuale. In sostanza, nessuno può essere escluso, mi auguro solo che sia una vera gara e una gara trasparente. Se vincerà il progetto migliore – conclude – sarò soddisfatto comunque».
Da registrare ieri anche la relazione in Consiglio comunale del sindaco Giorgio Orsoni sull’esito dell’incontro con i ministri delle Infrastrutture e dell’Ambiente: «Ho depositato e dato lettura della mozione – ha esordito – evidenziando come questa Amministrazione ritenga essenziale e improcrastinabile dare corso al decreto Clini-Passera».
Il sindaco ha continuato precisando che «sono state esaminate più ipotesi, non solo quella dell’Autorità portuale: il Contorta Sant’Angelo da scavare ex novo, Porto Marghera attraverso il canale già esistente ma da ricalibrare e quello dietro la Giudecca. I ministri Lupi e Orlando hanno dato tempo fino al 15 settembre al Magistrato alle acque e alla Capitaneria di porto di valutarle tutte, stendere un resoconto e riferire. Poi, un Comitatone a metà ottobre, per l’analisi, l’istruttoria tecnica e le indicazioni sulle risorse necessarie per la soluzione ritenuta migliore. L’incontro è stato positivo e improntato alla massima concretezza e impegno. E il lavoro del Magistrato alle acque sarà seguito in modo attento e puntuale».
Critici i consiglieri Beppe Caccia e Renzo Scarpa (gruppi In Comune e Misto). Il primo ha chiesto un approfondimento in Commissione, «perché in contrasto con la mozione, le proposte esaminate sono state solo tre», lamentandosi per l’esclusione del progetto De Piccoli (che poi abbiamo invece visto che non sarebbe stato escluso).
Il presidente di Confindustria Venezia, Matteo Zoppas, si è espresso ieri a favore del mantenimento della Marittima e dell’eccellenza rappresentata da Vtp.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui